Endometriosi: che cos’è e come si cura

endometriosi-marano

L’endometriosi è una patologia invalidante che, negli stadi clinici più avanzati (“moderato o III grado” e “grave o IV grado”), rientra nei Livelli essenziali di assistenza (Lea) del Ministero della Salute.

Cosa significa convivere con l’endometriosi? Ce lo spiega il professor Massimo Candiani, direttore dell’Unità di Ginecologia e Ostetricia dell’IRCCS Ospedale San Raffaele – Centro di riferimento per il trattamento dell’endometriosi,  docente ordinario presso la facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Vita-Salute San Raffaele e direttore della Scuola di Specialità in Ostetricia e Ginecologia dell’Ateneo.

Cos’è l’endometriosi

“L’endometriosi è una malattia ginecologica cronica che in Italia colpisce il 10-15% delle donne in età fertile (fonte Ministero della Salute)”, spiega il professor Massimo Candiani.

Consiste nell’insediamento e nella crescita fuori sede di tessuto endometriale, ossia la mucosa che riveste la parete interna dell’utero e che si sfalda durante il ciclo mestruale.

L’impianto anomalo dei frammenti di endometrio sulla superficie di altri organi quali ovaie, tube, intestino, vagina e vescica, causa:

  • uno stato infiammatorio dei tessuti;
  • la formazione di tessuto cicatriziale e aderenze che, se trascurati, possono anche causare infertilità.

 

I sintomi

Il sintomo emblematico dell’endometriosi è il dolore: 

  • pelvico cronico;
  •  mestruale;
  •  nei rapporti sessuali;
  • durante l’evacuazione intestinale;
  • durante la minzione.

 

In alcuni casi, è così acuto e persistente da compromettere il normale svolgimento delle attività quotidiane. A questo sintomo si possono accompagnare:

  • irregolarità del ciclo mestruale;
  • problematiche a livello intestinale;
  • gonfiore addominale;
  • difficoltà nel concepimento.

 

Endometriosi e gravidanza

L’endometriosi, nei casi più gravi, può anche essere causa di infertilità: il deposito di tessuto endometriale e lo stato infiammatorio possono rendere molto difficoltosi, o impedire del tutto, l’inseminazione e l’impianto dell’embrione.

Diagnosi e intervento chirurgico tempestivi consentono di agire sulla patologia negli stadi iniziali: per questo è importante continuare a promuovere su larga scala la conoscenza della malattia e dei suoi campanelli d’allarme”, conclude il professor Candiani.

Endometriosi e familiarità

“Bisogna però specificare che non tutte le donne accusano questi sintomi. Può esservi endometriosi anche:

  • in assenza di problematiche conclamate;
  • con la manifestazione di sintomi così lievi da non destare sospetto alcuno.

 

Qualora vi siano però casi di endometriosi in famiglia, è bene sottoporsi comunque a un controllo precauzionale. Infatti, una ragazza la cui madre, sorella o zia soffrano di endometriosi, ha un rischio 10 volte maggiore di svilupparla a sua volta”, spiega il professore.

La base genetica: il progetto di ricerca del San Raffaele

Proprio nell’ottica di studiarne la componente genetica all’IRCCS Ospedale San Raffaele è in corso un progetto di ricerca nazionale, coordinato dal professor Candiani, volto all’identificazione delle varianti genetiche che predispongono alla malattia e che costituiscono le basi del suo sviluppo.

Come si diagnostica

La tendenza della donna a sottovalutare il dolore, considerandolo come qualcosa di normale, e la difficoltà a inquadrare i sintomi, fanno sì che l’endometriosi venga diagnosticata anni dopo la sua effettiva manifestazione.

Per questo è importante rivolgersi a uno specialista ginecologo, anche solo in presenza di mestruazioni molto dolorose, soprattutto in caso di familiarità con la patologia.

Una diagnosi tempestiva è cruciale: più precocemente si individua la malattia, più precocemente si riesce a trattarla o a contenerla. Se curata sin dalla giovane età, si evita nel tempo che provochi danni anche molto importanti, come la sterilità”, spiega il professor Candiani.

Il primo fondamentale passo è un’anamnesi accurata. Il ginecologo, attraverso le parole della paziente, deve saper cogliere i segnali e procedere con esami specifici:

  • una visita ginecologica approfondita;
  •  un’ecografia transvaginale, utile per individuare la presenza di tessuti in sedi anomale o cisti.

 

La cura

“È bene sottolineare – specifica il professor Candiani –  che, ad oggi, non esiste una cura definitiva; pertanto la terapia, personalizzata sulla singola paziente, ha lo scopo di:

  • bloccare la progressione della patologia;
  • attenuare la sintomatologia”.

 

L’approccio all’endometriosi è:

  • farmacologico;
  • chirurgico.

 

La scelta va concordata con lo specialista, in un centro di riferimento e il trattamento viene stabilito caso per caso, in base alle caratteristiche della paziente:

  • età;
  • intensità del dolore;
  • presenza di cisti;
  • eventuale desiderio di intraprendere una gravidanza.

 

Il trattamento farmacologico

L’approccio farmacologico è il trattamento preferenziale e consiste nell’assunzione continua di farmaci ad azione ormonale che hanno lo scopo di portare ad amenorrea, cioè l’assenza di ciclo mestruale, e sopprimere l’attività ovulatoria.

L’operazione e le nuove tecniche

Quando ci si opera per endometriosi? La scelta sull’intervento chirurgico ricade nei casi in cui la paziente:

  •  non risponda alla terapia farmacologica;
  • desideri intraprendere una gravidanza, in quanto l’azione dei farmaci non si concilia con il concepimento.

 

L’intervento consiste nell’asportazione del tessuto endometriale e delle eventuali cisti e viene eseguito, per la maggior parte delle volte,  in tecnica laparoscopica, ossia con l’introduzione degli strumenti operatori e della videocamera chirurgica in piccoli fori praticati a livello addominale, in anestesia generale.

È importante che venga effettuato in centri altamente specializzati e ad alto volume da un chirurgo esperto.

Il laser CO2

Sempre nell’ambito della chirurgia mininvasiva, si annovera oggi l’impiego del laser CO2, che agisce sull’endometriosi andando a vaporizzare il tessuto endometriale ed eventuali cistisalvaguardando maggiormente il tessuto sano ad essi retrostante.

La tecnica può essere applicata nella maggior parte dei casi e la sua efficacia è pari alla tecnica tradizionale.
La ripresa da questo tipo di intervento è molto veloce: la paziente viene generalmente dimessa dall’ospedale dopo un solo giorno di ricovero.

Fonte: Gruppo San Donato

SHARE

Prof. Martirani Mirko
Medicina della Riproduzione ed Endoscopia Ginecologica
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Tristique nulla aliquet enim tortor at auctor urna. Pulvinar sapien et ligula ullamcorper malesuada proin. Vulputate dignissim suspendisse in est ante in. Sit amet facilisis magna etiam tempor. Facilisis sed odio morbi quis commodo odio aenean sed adipiscing. Tristique senectus et netus et malesuada. Ante in nibh mauris cursus mattis. Augue ut lectus arcu bibendum at varius vel pharetra vel. Tellus mauris a diam maecenas. Turpis in eu mi bibendum neque egestas congue. Nulla facilisi nullam vehicula ipsum a arcu cursus vitae. Quis eleifend quam adipiscing vitae proin sagittis. Libero enim sed faucibus turpis. Cursus in hac habitasse platea dictumst quisque. Neque volutpat ac tincidunt vitae semper quis lectus. Senectus et netus et malesuada fames. Ac odio tempor orci dapibus ultrices. Dictum non consectetur a erat nam at lectus urna. Sed tempus urna et pharetra pharetra massa massa ultricies mi. Dictum varius duis at consectetur lorem donec massa sapien faucibus.
Prof. Castaldo Emanuele
Medicina della Riproduzione ed Endoscopia Ginecologica
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Tristique nulla aliquet enim tortor at auctor urna. Pulvinar sapien et ligula ullamcorper malesuada proin. Vulputate dignissim suspendisse in est ante in. Sit amet facilisis magna etiam tempor. Facilisis sed odio morbi quis commodo odio aenean sed adipiscing. Tristique senectus et netus et malesuada. Ante in nibh mauris cursus mattis. Augue ut lectus arcu bibendum at varius vel pharetra vel. Tellus mauris a diam maecenas. Turpis in eu mi bibendum neque egestas congue. Nulla facilisi nullam vehicula ipsum a arcu cursus vitae. Quis eleifend quam adipiscing vitae proin sagittis. Libero enim sed faucibus turpis. Cursus in hac habitasse platea dictumst quisque. Neque volutpat ac tincidunt vitae semper quis lectus. Senectus et netus et malesuada fames. Ac odio tempor orci dapibus ultrices. Dictum non consectetur a erat nam at lectus urna. Sed tempus urna et pharetra pharetra massa massa ultricies mi. Dictum varius duis at consectetur lorem donec massa sapien faucibus.
Prof. De Rosa Pasquale
Medicina della Riproduzione ed Endoscopia Ginecologica
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Tristique nulla aliquet enim tortor at auctor urna. Pulvinar sapien et ligula ullamcorper malesuada proin. Vulputate dignissim suspendisse in est ante in. Sit amet facilisis magna etiam tempor. Facilisis sed odio morbi quis commodo odio aenean sed adipiscing. Tristique senectus et netus et malesuada. Ante in nibh mauris cursus mattis. Augue ut lectus arcu bibendum at varius vel pharetra vel. Tellus mauris a diam maecenas. Turpis in eu mi bibendum neque egestas congue. Nulla facilisi nullam vehicula ipsum a arcu cursus vitae. Quis eleifend quam adipiscing vitae proin sagittis. Libero enim sed faucibus turpis. Cursus in hac habitasse platea dictumst quisque. Neque volutpat ac tincidunt vitae semper quis lectus. Senectus et netus et malesuada fames. Ac odio tempor orci dapibus ultrices. Dictum non consectetur a erat nam at lectus urna. Sed tempus urna et pharetra pharetra massa massa ultricies mi. Dictum varius duis at consectetur lorem donec massa sapien faucibus.